Categoria: camper (Pagina 1 di 3)

La mia storia ogni giorno

Ripubblico la mia storia dal principio , ogni giorno un video, ogni articolo (che sovrascriverò con il prossimo) una puntata delle mie avventure. 

tutti i video ed altri li troverete comunque sul mio canale youtube  cliccando qui  ILdiarioDiLUCA – YouTube e se vi và iscrivetevi!

statistica Nerd: in questo sito ci sono in questo istante:

  • oltre a questo articolo altri 256 articoli da sfogliare e leggere
  • 12 pagine da aprire
  • 65 commenti 
  • n° visitatori totali 162.875
  • n° visitatori ultimi 7 giorni 498

 

Ps. A breve nuovi aggiornamenti del presente

Pps. I video non li modifico, cosi come erano rimangono, scusate se risultano lunghi, noiosi e di scarsa qualità per qualcuno (non di certo per me ma nella vita si migliora!!!!)

 

video 90

 

video 89

 

video 88

Benvenuto Gino !!!

Ciao e benvenuto Gino!! Il mio van appena acquistato! Ma calma tutti!! E’ vuoto come un autocarro….

Tempo al tempo come tutte le cose lo trasformerò… senza patemi e senza ansie…

E poi dove andrò ?

Ecco intanto il mio Gino!

 

Grazie Camper Duke

Ciao Camper Duke! Ci hai sostenuto e portati dove volevamo. Ora passi in altre mani e girerai il mondo ancora!!!

IL CAMPER – Avventure in Scandinavia e non solo (avventureboreali.com)

 

Un Pensiero al “CAMPER SOCIAL”

Ormai questa società è impazzita! Sembra che ci sia solo questo o quello. Tutti uniformati. Globalizzati nelle scelte. Non scegliamo più perchè o, non c’è scelta o, non siamo più in grado di scegliere. Sale l’Ansia. La Frustrazione…

Ecco che il tema Camper diventa allora la fuga, la libertà, il cambio, la scelta per eccellenza. La nuova visione. Il riscatto per molti. Il risparmio (forse) arriva dopo (utopia o fake). Il camper è sempre esistito, da trent’anni da quarant’anni! La vita in camper è sempre esistita. La possibilità di vivere fuori (almeno nei week end) pure. VanLife.

I social hanno invece distorto tutto! Pure il tema “Camper”. I social. I sociali, quelli che per far vedere che va tutto bene o per visibilità va tutto male si sono moltiplicati a dismisura. Tutti pronti a diventare nomadi digitali in camper, Nomadi sociali. A casaccio. Basta avere il camper e spostarsi. Il camper e la vita in camper come assicurazione di fare successo nei vari social. DISTORSIONE E CORTO CIRCUITO PER MOLTI CREDULONI. Tutti vogliono salire sul tema “camper” per avere successo, per essere seguiti, amati e pagati! Ma pochi hanno il carisma. Il carisma di dire le cose come stanno. Molti fanno vedere le cose distorte. Molti seguono i titoli e il fare per avere visual. Molti si copiano e si rincorrono. Il camper invece non si mostra, non si vanta, non vuole niente. E’ Strumento.

Guardi i vari canali e vedi la moda del 4X4, del Daily, del camion da costruire e trasformare a camper. Sembra di stare alla Tv dove ti fanno vedere quello che tira. la moda. Chi va controcorrente su Youtube e sui social è OUT. I molti che vogliono entrare nella galassia della visibilità rimangono fuori se non si adeguano alle parole che designano le mode del momento. Che ci sia pure un sistema che protegga il grosso dal piccolo? I vip si coalizzano e possono, i “tu non sei un cazzo” aspetta e spera intanto fai gavetta. Può essere, tutto può essere tra contratti, sponsor padroni, marketing, marchette e competitors…

Perchè tutti vogliono saltare su nel carro dei “nomadi digitali in camper” ? Soldi facili? visioni facili? sistema remunerazione youtube? Smettiamo cari creators di ILLUDERE LA GENTE per VOSTRA CONVENIENZA!!!

E….Siamo seri! Il camper vuole stare per i fatti suoi. Ad ognuno la propria visione. Buona visione. Le mode passano. Le distorsioni da social non lo so. Lo SPERO!

Luca

 

SVEZIA – NORVEGIA

Siamo partiti per ritornare a casa!!! Camper Duke pronto e pieno. Abbiamo lasciato la casa di Vierli dopo averla sistemata per un possibile ritorno… (?)

Duke per qualche giorno è la nostra casa. Poi Duke, come ogni anno ,andrà a riposo in rimessaggio. Dove? segreto al momento. Siamo in viaggio per nuove strade. Per nuove avventure. Prima di tutto passeremo per la casa di Duved…. una delle nostre “case”. Mi sono affezionato a Duved perchè vi ho passato 4 anni della mia vita. Vierli – Duved, Norvegia – Svezia.

Ora, mentre scrivo, sono già a casa Duved! dopo tre giorni di viaggio in camper (per la bellissima strada 51). Norvegia – Svezia. Norvegia chiusa e super controllata in entrata  mentre Svezia libera, in uscita ed entrata, senza minimamente un controllo. Due paesi vicini, due sistemi e vedute completamente differenti… MAH!!!

Il virus esiste più che mai in Norvegia, in Svezia no perchè hanno già tolto le “protezioni anti-covid” dai supermercati!!!!

Staremo qui a Duved qualche giorno per sistemare camper, auto, sci ed altre faccende…

POI? poi andremo in … ?

 

19.09.21 Visione a Duved dell’aurora boreale! (io stavo dormendo, sentito da altri)

21.09.21 Portato gli sci e scarponi a sistemare al negozio di Björnen! Speriamo riescano ad aggiustare gli attacchi vecchi…!

22.09.21 Check nuova auto (seconda mano) e garage per il camper Duke…

23.09.21 Perfetto! Ritirato gli sci da Björnen skicenter. Aggiustati gli attacchi e gli scarponi. La soletta la farò in Norvegia. Grazie da Avventure Boreali per il lavoro gratuito!!! ? Sabato il camper Duke va a “riposo” nel solito posto vicino a Östersund. Domani provo la Skoda Octavia 4×4.

24.09.21 Oggi provato la “nuova” macchina, ottima a parte la vecchiaia di carrozzeria! portato gli sci a sciolinare in negozio a Duved. Domani il camper Duke va in rimessaggio! come ogni anno da tre anni. E’ cosi!

25.09.21 Camper Duke sistemato! Preso la Octavia 4×4 e venduto la vecchia Passat! Ora mi servirebbe un carrello per trasportare cerchi e gomme invernali chiodate altrimenti non mi stanno le cose in macchina!!!

 

 

 

La mia nuova vita in Norvegia

Finalmente sono libero in Norvegia.  Sono trascorsi  dieci giorni di lavoro e di riposo. Ci troviamo molto bene con tutto e tutti. Abbiamo visitato nei tre giorni di riposo Rjukan e Odda passando per le strade 37, 362 ed E134. Splendidi posti che prima o poi vedrete nei video. Tra ieri ed oggi abbiamo caricato la nostra mente e spirito di cose e sensazioni incredibili. Una notte ad Odda sul fiordo per ritornare un pò camperisti.

Sul fronte camminate sto esplorando con Ugo pian piano la zona dove abito. Ho individuato e programmato molte escursioni possibili dalla mia casa e non, quindi spostandomi con il camper. La zona è ricca di cime e cucuzzoli di oltre 1600 metri.

La mia casa di Duved è in attesa del suo affittuario. L’affittuario è in attesa di decisioni future. Tenere la casetta svedese per affittarla??? sarebbe cosa buona e giusta!!! (qualche affittuario italiano o svedese lo trovo!?) Anche perchè ho serie probabilità di rimanere qui nel Telemark anche per l’inverno (e chissà poi….)!!! W lo ski!!!!

Ciao NORVEGIA ?? !!!

Siamo arrivati finalmente. ❤️ Siiiiiiii  (30.06.21 ore 18, siamo in Norvegia!)

Siamo nella regione del Telemark, zona Rauland. 8 Luglio, ossia ottavo giorno di quarantena. Ieri abbiamo fatto il tampone molecolare ed aspettiamo il risultato per uscire definitivamente dalla quarantena per poter lavorare e viaggiare liberi! Ma che noia e che stress … Lo sapevo che era una “palla”, ma immagino nelle città italiane che cosa hanno passato le persone. Almeno qui esco e mi faccio km senza incontrare persone!

Il posto, la casa in affitto (compresa nel contratto di lavoro) e tutto ciò che ci circonda è davvero bello!! Nel mio canale youtube troverete i video del viaggio per entrare in Norvegia e il proseguo.

Abbiamo una casa spaziosa per due persone e per Ugo! Stiamo bene anche se vogliamo una vita normale. Dobbiamo scrollarci di dosso il torpore e capire veramente che siamo nella nazione dei nostri sogni! E allora, pazienza e Forza!!!!! il lavoro e soprattutto il poter viaggiare, esplorare, camminare e visitare con il camper Duke ci aspettano!!!!!

Lavorare in un campeggio svedese

Lavorare in un campeggio svedese, vivendo in camper con la Mari, Ugo, sul lago più grande di Svezia (sembra il mare).

Viviamo in camper in un campeggio, io Ugo e la Mari. Abbiamo trasformato e trasferito la nostra casa (di Duved) nel camper Duke con i drastici cambiamenti che ciò comporta. Un cambiamento in libertà ma anche di costrizioni di spazio e comodità. Se vuoi un cosa non puoi avere l’altra d’altronde. Sono collegato alla corrente 220 e all’acqua con i servizi ottimi del campeggio e quindi non mi definisco proprio un camperista fulltimer libero. Ma la libertà del camperista, se non sei un camperista sfegatato, diventa inferno per alcune persone. In poco spazio devi vivere, convivere, condividere, sopportare. Molte persone non dicono quanto sia difficile andare d’accordo quando si è in coppia in 4 metri quadrati. Questa è la maggiore difficoltà del camperista …. condividere ed avere pazienza. Da soli in camper sarebbe perfetto… meno stress e tanto altro ma … invidio chi fa vedere tutto bello e tutto amore tra coppie in camper… ma è vero? è reale? oppure pur di farsi vedere sul pezzo e su youtuber …

Dopo una settimana di lavoro intenso potrei tirare alcune conclusioni ma attendo altre settimane. Nel frattempo prendiamo il ritmo della vita da campeggio e da camper. Vita che si è trasformata con un lavoro a km zero. Tutto ciò è molto strano ma motivante aldilà del lavoro in se. Oggi è il primo dei due giorni di riposo. Domani e nei prossimi giorni di riposo dovremmo cambiare aria per staccare e trovare nuovi “spot” … perchè come per tutte le cose, dopo un pò, ci si abitua e non va bene!

Vi linko qui sotto due primi video di come vanno le cose nella nuova vita:

 

News lavorative e ritiro del camper

Ciao da Luca boreale! Ho molte novità di lavoro da raccontarvi e quindi nuove future avventure. Tra qualche settimana, inoltre, ritirerò dal rimessaggio di Östersund il camper Duke!!  Poi altre cose che a mano a mano svelerò e scoprirete da voi stessi!!!

Vi ringrazio dei moltissimi auguri ricevuti. Oggi, 22 Aprile vi devo dire che a breve, a maggio o giugno presumibilmente inizieremo a lavorare nel sud della Svezia! Il lavoro sarà stagionale. Potrebbe essere una cosa molto interessante perche ti permette di lavorare per alcuni mesi e di svincolarti o di lavorare in altre zone i restanti mesi. La casa di Duved la conserverò per l’inverno!! In realtà abbiamo tre diverse occasioni lavorative, ma valutiamo la durata contrattuale lavorativa e le prospettive di richiamata!

Il camper Duke quindi lo ritirerò ai primi di maggio e diventerà (forse) la nostra casa per questi tre o quattro mesi lavorativi.

A breve indicherò la zona di nuove scorribande per Ugo! Passiamo dai monti ai mari ….

Intanto qui le temperature sono al di sotto dello zero e nevica!!!!!!

 

Seguite le live e i video del mio canale iscrivendovi. E’ gratis! grazie! Ugo scodinzola anche se domani và dal veterinario! Dopodomani Ugo festeggia il suo compleanno!

PS. Nella prossima live n°5 parlerò di lavoro e del lavoro in Svezia!! La mia esperienza!

foto di archivio settembre 2019

Camper Duke in rimessaggio

Il mio camper Duke è da stasera in rimessaggio coperto vicino ad Östersund (Svezia), a 100km da me. Mi dispiace non vederlo più dalla finestra ma l’inverno scandinavo è lungo, rigido e temibile. Se non hai un campeggio e la corrente per ricaricare le batterie è disastroso perchè stare a meno venti-trenta, costantemente, è devastante. Infatti al rimessaggio Duke sarà ogni tanto ed ogni mese alimentato con la 220. A Maggio lo riprenderò per nuove avventure camperistiche. (me lo auguro!!).

Luca ma sei un camperista o no? io mi definisco un camperista semplice. Non sono un fulltimer, non sono un camperista della domenica, sono solo un camperista umile e semplice. Non faccio nulla o quasi da me, manutenzione e lavori vari sul camper non li posso fare. Se avessi un camper vecchio (il mio lo definisco “nuovo”) potrei demolirlo per ricostruirlo e capire come è fatto. Ma per ora mi affido ai professionisti!!!!

Fare il fulltimer in Svezia e Norvegia è assai dura, ovviamente per l’inverno e per la tipologia di ambiente!! Sfido i vari sapientoni e geni del camper italiani a provare a fare i FULLTIMER in Svezia o Norvegia in pieno inverno!!! E Non dico passare due tre settimane per il CapoNord di turno!!!

Volevo per finire raccontarvi come sono diventato camperista. Tutto è nato dalla liquidazione del mio penultimo lavoro di Milano e dalla voglia di cambiare nazione. Il camper usato non l’ho preso infatti per rimanere in Italia ma avevo già l’obiettivo Norvegia!! Ho girato molti concessionari della zona di Vicenza e Padova. Mi sono fermato a Mestrino ed il budget era di rimanere intorno ai 10-15mila euro , compresi di finanziamento ovviamente. Scelto il mio primo camper, Il mitico e robusto MIRAGE SPEEDY del 1998, siamo partiti dopo solo tre esperienze-prove camperistiche per la volta della Norvegia ad Agosto del 2016. Questo Blog non era nato e nemmeno l’idea.

Esperienza fantastica ed incredibile perchè mano a mano che salivamo facevamo il programma … cercando di toccare piu località e luoghi possibili. Sperando che il vecchietto Mirage non ci facesse scherzi…. Viaggiare con un camper vecchio e con motore 1,9TD da 82cv ti rendeva felice ed umile ed ogni giorno raggiungere la meta prefissata era una soddisfazione immensa. Poi, è arrivata l’occasione di cambiare il Mirage perchè ce lo valutavano bene e senza perdere troppi  soldi, dopo solo un anno. Ed ora sono con Duke, famiglia Elnagh del 2008. E’ stata una scelta tra poche possibili. Perchè Mirage e difficile valutarlo bene, perchè la marca non esiste più ed i concessionari fanno finta di non conoscerlo quando alla sua epoca era il top di gamma!!! mah…misteri del mercato del camper usato.

Buonanotte Camper Duke!!! ci vediamo al primo di Maggio!!!!

Sotto la Playlist dei video sul mio camper…

IL CAMPER

 

Kiruna, Abisko e la quarantena norvegese

(14 Ottobre 2020) Raggiungiamo con il camper Duke le bellissime Kiruna, Abisko con il suo lungo lago tra le più alte montagne svedesi per arrivare al confine norvegese.  Abbiamo curiosità e un pò di trepidazione per sapere cosa ci diranno i polizziotti in dogana. Piove a dirotto con forti raffiche di vento. Preludio di nuove difficili condizioni. Abbassiamo il finestrino al simpatico norvegese incappucciato e senza mascherina per parlare. Passaporti, chi siamo e dove andiamo. La zona di Kiruna, ci dice, è rossa e quindi la quarantena obbligatoria norvegese è di 10 giorni. Ci chiede quanti giorni vogliamo stare in Norvegia. Io dico 2 o 3 (medio) e poi ce ne torniamo in Svezia nel nostro campo base. Lui mi dice “ok, nessun problema. Ditemi dove vi fermate con il camper per passare questi tre giorni in isolamento”. Gli diciamo che abbiamo cibo a sufficienza. Ok perfetto. Io e Mari ci appartiamo dieci minuti per trovare un campeggio da comunicare come punto di quarantena. Dobbiamo rimanere fermi lì o viaggiare senza mai fermarsi ed incontrare gente, Quando si scende dal camper dobbiamo essere in quel punto. Dopo 5 minuti di ricerca decidiamo che non ne vale la pena, visto anche il meteo dei prossimi giorni, rimanere in questa condizioni da precarcere. La Norvegia è Norvegia da liberi!!! io non devo dimostrare nulla!! E’ semplicissimo entrare in Norvegia, basta indicare un punto di STOP QUARANTENA e sei in Norvegia. Attendere con pazienza dieci giorni e poi puoi circolare liberamente. Dieci giorni possono essere lunghi o brevi, dipende da ognuno. Per noi non valeva la pena, visto che poi il nostro giro doveva proseguire per l’intera Norvegia. Ed altre cose e faccende urgono da sistemare per la vita quotidiana. Diciamo che la Norvegia rimane dov’è! Speriamo che la prossima estate sia tutto differente. Il nostro obiettivo primario, ossia arrivare a Kiruna-Abisko-Confine è stato raggiunto. A Kiruna-Abisko vi ero già stato (in aereo+bus) nel lontano 2014.

Bella zona artica, misto tra media città con palazzi nati per far fronte agli alloggi dei tanti lavoratori delle famose miniere di ferro (esportato in tutto il mondo, soprattutto Cina tramite il celebre treno Kiruna-Narvik). Kiruna in questi ultimi anni si è sviluppata anche a livello turistico ed abitativo. Piste da sci, divertimento e ricerche in vari campi (da quello minerario, edile a quello spaziale), sede della università tecnica di Luleå. Abitata probabilmente da alcuni italiani stabilmente o temporaneamente per lavoro, ricerca e studio. Città quindi multiculturale ed internazionale. Ma la loro cultura rimane quella dei SAMI! Il Lappone, popolo delle renne e del freddo, gli indiani della Scandinavia del nord. Uno spettacolo di mistero e di sensazioni boreali.

Abisko e la zona del suo Parco Nazionale. Il lago è davvero lungo e sembra un fiordo atlantico. Col vento forte, crea delle mega onde che pare appunto oceano!! (che la Mari si spaventa…). Vederlo d’estate oppure a questa stagione fredda è totalmente differente. Immagino in pieno inverno che sensazioni possa dare!!! Sarebbe fico rimanere per l’intero inverno e  salire e sciare in queste montagne!!!

Foto e video esclusivamente sul mio canale youtube  AVVENTURE BOREALI (ISCRIVETEVI GRAZIE!)

Ugo in swedish Lapland

Stamattina siamo partiti con il camper da casa Duved per la Lapponia svedese.  Sotto la pioggia abbiamo caricato lo stretto necessario. Mano a mano che salivamo sempre piu a nord il cielo rompeva la sua chiusura al sole. Ed è venuta fuori una discreta giornata. Fresco senza vento. Ora siamo fermi per la notte a Sorsele. Domani ci attendono altri 450km attraversando il circolo polare artico svedese….

 

13.10.20 – KIRUNA – Stasera siamo fermi in sosta per dormire vicino alla chiesa. Cielo nuvoloso e luci del centro sono contro la possibile aurora.  Temperatura percepita sui meno 2. Acceso la stufa in camper e messo l’oscurante termico esterno per la cabina. Domani ci organizzeremo per l’entrata in Norvegia.  Oggi siamo stati ufficialmente ingaggiati per lavorare in Svezia la prossima stagione invernale!!!! (il luogo ve lo svelero’ piu avanti anche perché probabilmente avremmo altre opportunita’ e spero potremmo cosi scegliere il meglio per noi…). Una buonanotte dalla freddolosa Kiruna 200km oltre il circolo polare artico!!! Baci

A BREVE I FANTASTICI VIDEO E FOTO (non posso usare il pc in camper perché la batteria e l’inverter non reggono. Quando rientrero’ al campo base di Duved li caricherò…Se le cose andranno bene potremmo stare in giro per una settimana e più.. Abbiamo idee un po pazze…

Foto e video esclusivamente sul mio canale youtube  AVVENTURE BOREALI (ISCRIVETEVI GRAZIE!)

Arrivati al campo base

Dopo un po di peripezie di “navigazione” e di ricerca per ricaricare la bombola del gas del camper (fatto la ricarica bombola da GasolEsset a Ljungby per 250Kr) abbiamo modificato il programma…  Ora siamo nel nostro “campo base”. Tra qualche giorno entreremo in Norge dalla parte piu “vulnerabile”…. ossia dal nord della Svezia (dove possiamo già iniziare la quarantena nella zona “gialla” di Kiruna e dintorni).

Il mio campo base vuol dire Duved, casa! Ma in questo momento significa pure trampolino di lancio verso altro. Punto di riferimento e di ristoro verso altre mete.

E’ bello arrivare a casa Duved ma è bello viaggiare “con la casa camper!”

Sistemato in casa alcune cose superflue che stavano nel camper. Fatto la lavatrice, riposto le cose estive e riempito lo zaino di cose invernali da portare in camper. Guanti, pile, berretti, giacche per vento ed acqua…. Acqua che scende copiosa da due giorni. Solito autunno svedese umido. E’ tutto familiare come le passeggiate di Ugo felice. Una Duved cambiata, molti lavori in giro, con la nuova scuola operativa nel luogo che era di Camp Duved…..

 

 

VAI AL MIO CANALE YOUTUBE PER GUARDARE I VIDEO E LE FOTO!

 

 

 

 

 

Il mio prossimo camper

Il mio prossimo veicolo dovrà essere sia autovettura sia camper. Piccolo quindi, ma abbastanza grande per ospitare due o tre persone. Un van? un furgonato? 540? Marca? Sono dettagli. Dovrà avere tutto coibentato e superisolato. Tutti i serbatoi interni e gli scarichi riscaldati. Accensione ovviamente riscaldata per affrontare l’avviamento a meno trenta! Truma diesel per riscaldamento e doppio pavimento sono requisiti scontati. Il resto è fuffa. Meccanica forte, assetto rialzato e forse 4×4 (ma non necessariamente). Montare le gomme chiodate abituali su questo mezzo ti permetterà, con una buona riserva energetica del mezzo di andare ovunque (o quasi). SOGNO? commercialmente parlando non esiste un mezzo che esca dalla fabbrica cosi! Forse forse, un usato o nuovo, in Scandinavia, lo si trova con queste caratteristiche!! In Italia bisogna farselo fare su misura (e in generale in tutta Europa). Parlando con un artigiano del settore mi diceva che i camper sono tutti uguali, chi piu chi meno risparmiano su materiali, pesi e soprattutto isolamento e coibentazione. Nessun camper viene progettato per rimanere senza sole, fermo e a meno trenta!!

Mai dire mai. Sarebbe una figata!!! Mi prendo un camper furgone usato o simile e poi mi siedo davanti ad un progetto di allestimento!?

Ma stai tranquillo Duke, per il momento rimani con me. Non ti  permuto. Ho ancora 5 anni di finanziamento e nel frattempo ci penserò anche in base a come proseguiranno le mie avventure.

Ps. Caro Duke, il tuo rimessaggio svedese di Ottobre-Maggio al coperto è assicurato! Come l’anno scorso.

Elnagh Duke 450L

IL CAMPER

« Articoli meno recenti
Translate »