Ci dobbiamo fidare (anche se mi arrabbio)

Ci dobbiamo fidare. Avere fiducia. Che tutto passi in fretta senza poi trovare troppe macerie. Troppi morti. Mi fido della Svezia o no? Devo fidarmi. Affidarmi a chi sulla carta ne sà piu di me. Spero nel team di virologi svedesi  e in quello che fanno e propongono al Governo centrale. Tenere tutto aperto sperando nel buonsenso cittadino per il rispetto dei calorosi consigli ed avvertenze governative. Sicuramente, comunque, chiuderanno qualcosa (auspicabilmente le piste e gli hotel!!). I contagi sono sempre più in aumento e siamo oltre 4000 con 150 morti ad oggi 30 Marzo.

Il mio orario di lavoro è stato dimezzato, hotel deserto, ma c’è ancora gente che viene a sciare, molti hotel chiudono e rimangono aperte ovviamente le case ville private. Sono abbastanza fortunato perche lavorando di notte non incontro nessuno, devo solo stare attento a cosa tocco e respiro. Fare la spesa è il momento piu delicato perchè il market (a 50 metri da casa) è piccolo e se c’è troppa gente si fa la fila in cassa e non va bene. Devo stare attento pure alla zona Duved della scuola elementare e la sua mensa quando (ore 12-13) escono i ragazzi per andare a mangiare perchè si formano gruppetti di bimbi e maestre… !!

Oggi mi sono fatto coraggio e, preso sci ed Ugo, ho fatto una breve uscita sopra casa con le pelli. Neve splendida fresca di ieri e polmoni ok! Perchè ultimamente ho mille sintomi e, stare a casa a pensare troppo fa male. Malissimo al corpo che rimane sotto stress e si disabilita. Immagino a voi italiani costretti in casa per di più dal terrore e dall’angoscia … Spero che questo incubo finisca… e spero per la mia famiglia e tutte le famiglie d’Italia!

Ci stavo pensando prima….. Eppure la vita è bella!! E’ ancor più vita se sei continuamente provato, se continui a rischiare (tuo malgrado) e tuttavia nn ti fermi ne col quotidiano ne con il pensare a come fare per risollevarti! FORZA!! Prima del virus vivevamo da superpotenti, immortali e spensierati che tutto era dovuto. Ora assaporiamo quanto scemi eravamo e siamo. Quanto deboli siamo. Impareremo qualcosa da questi mesi tragici non lo so… cambieranno molte cose politiche questo si. Gestiremo i rapporti umani e la natura diversamente..? ME LO AUGURO!! Saremmo meno attaccati ai soldi e alle furberie non ci spero molto…ma… dipende da ognuno di noi… SIAMO ANCORA IN TEMPO. PER SALVARE IL MONDO VIVENTE…

PS. decisione delle ore 19 del 31.03.20 Skistar, dopo parere della Agenzia nazionale sanitaria, chiude dal 6 Aprile le piste di Åre e tutte le altre stazioni sciistiche di Svezia. Bene ma era normale, la decisione è per prevenire il collasso degli ospedali …. 

https://www.skistar.com/sv/myskistar/kundservicesupport/information-om-corona/sverige-corona/

Il coronavirus in Svezia

Iscrivetevi al mio canale youtube!

I pray for my Italy 🙏😢

Da Francesco Pazienza, realizzato dall’illustratore FRANCO RIVOLLI

I also pray for Scandinavia … and that Sweden will wake up in time …

 

Noi siamo l’Italia… Tanti difetti ma in fondo… (guarda il video) NOI SIAMO ITALIA 🇮🇹!!!!

 

Pps. pensiero social della pausa notte di lavoro (21.03.20)…

“Cara Italia, ti ho imprecato, odiato, ma ora dico che ti voglio bene anche da migliaia di km, sei uno stato buono con mille difetti, non sei la pecora nera d’Europa, in fatto di sanità e tante altre cose sei la prima come per laboriosita e fantasia. Tranquilla Italia, vedo osservo da qui, dalla Svezia, indecisioni, tentennamenti, ipocrisia e censure, ritardi e politiche Ben peggiori di quelle italiane… Molti stati che si proclamano superiori rispetto a te non lo sono! . Qui, dove abito, cominciano a chiudere hotel, ma non tutti, le piste sono ancora aperte dopo che Norvegia e finlandia hanno gia tutto stoppato. Cosa aspettano non lo so. Sui social si promuovono attivita ed incontri per lo ski come niente fosse…. Sciagurati ed incoscienti sono gli sponsor che non hanno rispetto per la pandemia Mondiale…. Ipocriti dannati invitate la gente a divertirsi… Per guadagnare i maledetti soldi… SVEZIA CHE DELUSIONE!!! IL primo caso positivo ad Åre data 11.03. Dopo dieci giorni,(!!!) oggi, hanno diffuso la notizia che il soggetto ha incontrato parecchie persone… Chi? Dove? Quando? Sarebbe importante saperlo… dieci giorni di non notizie…. In Svezia… Cara Italia, l’omerta uccide psicologicamente piu della tua famigerata mafia….. ”

Luca

 

Il coronavirus in Svezia

Clicca sui link qui sotto per gli aggiornamenti IN TEMPO REALE!

 

Monitoraggio corona virus in Svezia e nel mondo

Coronavirus in Svezia per regioni

https://www.krisinformation.se/detta-kan-handa/handelser-och-storningar/20192/myndigheterna-om-det-nya-coronaviruset

Https://www.1177.se

Il numero 1177 è il telefono per aiuto sanitario

 

https://www.1177.se/Vastra-Gotaland/aktuellt/aktuellt-i-vastra-gotaland/coronavirus/

 

coronaviruset-covid-19 ad Åre :

Aggiornato il 24 marzo alle 19 18:00

Il comune di Åre sta seguendo da vicino lo sviluppo del virus corona covid-19 e ora stiamo lavorando nella posizione del personale, il che significa che pianifichiamo il modo in cui gestiamo le nostre operazioni in caso di grave insorgenza del virus.

Collaboriamo regolarmente con la regione Jämtland di Härjedalen, il consiglio di amministrazione della contea di Jämtland e le imprese regionali e locali allo scopo di limitare la diffusione dell’infezione sulla base delle linee guida dell’autorità sanitaria pubblica.

Le linee guida dell’Autorità Sanitaria Pubblica affermano che puoi andare al lavoro, a scuola e simili, come sempre, purché tu non abbia sintomi, come russare, mal di gola, tosse, difficoltà respiratorie o febbre. Se hai ricevuto altre direttive dal tuo datore di lavoro o dalla scuola relative al lavoro a distanza o agli studi a distanza, dovresti ovviamente seguirle.

Se sei malato, resta a casa finché ti senti male e attendi almeno due giorni dopo aver guarito prima di tornare a lavoro e a scuola di nuovo.

Questa pagina viene aggiornata almeno una volta al giorno dal lunedì alla domenica.

Informazioni attuali 24 marzo

  • Misure relative alle stazioni sciistiche
    Martedì 24 marzo, l’Agenzia della sanità pubblica ha annunciato che non è rilevante chiudere le stazioni sciistiche in Svezia. Vogliamo anche chiarire che il comune di Åre non ha alcuna possibilità legale di chiudere le stazioni sciistiche come è stato fatto in Norvegia.Nei giorni scorsi, l’Agenzia per la sanità pubblica ha condotto un dialogo con le stazioni sciistiche svedesi, i consigli e le regioni amministrative della contea interessati, che ha portato a una serie di misure per ridurre la diffusione dell’infezione. Le misure includono l’arresto dopo lo sci, il cambio delle strutture delle code negli impianti di risalita e il noleggio per creare la distanza tra le persone, gli impianti di risalita chiusi e le procedure di pulizia estese.Qui puoi leggere di più sulle misure che SkiStar sta adottando ad Åre
  • Prima delle prossime vacanze di Pasqua
    Sappiamo che molte persone hanno in programma di recarsi nel nostro comune durante le vacanze di Pasqua. L’autorità di sanità pubblica ha lanciato un invito generale al pubblico a riflettere sui propri viaggi imminenti in Svezia un tempo supplementare e valutare se i viaggi siano realmente necessari per lo svolgimento. Chiunque sia malato non dovrebbe viaggiare affatto. La richiesta dell’autorità sanitaria pubblica mira a rallentare la diffusione del coronavirus covid-19 in Svezia e a non sovraccaricare l’assistenza sanitaria nelle città più piccole.Maggiori informazioni sui viaggi in Svezia sul sito web dell’Agenzia per la salute pubblica
  • Nuove regole per ristoranti, bar, locali notturni e caffè
    Mercoledì 25 marzo, l’autorità sanitaria pubblica emetterà un nuovo regolamento. In breve, il regolamento significherà che solo i ristoranti dovrebbero essere fatti in ristoranti, bar, discoteche e caffè. Scrivi al dipartimento ambientale del Comune di Åre all’indirizzo mks@are.se  se hai domande a riguardo.

 

Clicca sui link sopra per gli aggiornamenti IN TEMPO REALE!

 

 

 

old news 16.03.20

Evita i contatti sociali se hai sintomi

L’autorità di sanità pubblica esorta le persone con sintomi, anche lievi, a evitare contatti sociali per non infettare gli altri. Questo vale sia nella vita lavorativa che nella vita privata.

  • Resta a casa finché ti senti male. Attendere almeno due giorni dopo il recupero prima di tornare al lavoro o a scuola.
  • Per quelli di voi che lavorano nella cura degli anziani e nella cura degli anziani, è estremamente importante non andare a lavorare se si manifestano sintomi di infezione respiratoria.
  • Come membro della famiglia, dovresti evitare visite non necessarie negli ospedali e nelle case per anziani e non fare mai una visita se hai sintomi respiratori.

Sintomi di covid-19

I sintomi più comuni sono:

  • tosse
  • febbre
  • disturbi respiratori
  • corizza
  • mal di gola
  • mal di testa
  • dolori muscolari e articolari
  • nausea

La maggior parte delle persone che ottengono il virus non si ammalano gravemente, ma un numero di casi di sintomi più gravi è stato segnalato come difficoltà respiratoria e polmonite. Non ci sono segni di rimanere condizioni croniche dopo il recupero.

Devo testare per covid-19?

Quasi tutti coloro che ottengono covid-19 hanno sintomi lievi e si sentono  sani senza aver bisogno di cure mediche. Pertanto, non ci sono ragioni mediche per provare chiunque abbia sintomi come tosse, mal di gola, febbre o qualsiasi altra cosa che possa indicare covid-19, ma che potrebbe anche essere un’altra infezione.

L’autorità di sanità pubblica raccomanda il campionamento di persone che sono state gravemente ammalate da febbre o sintomi respiratori e che devono essere ricoverate in ospedale. Inoltre, si raccomanda il campionamento per il personale che lavora con l’assistenza sanitaria e l’assistenza agli anziani e che hanno febbre o sintomi respiratori che potrebbero essere dovuti a covid-19.

Rischio molto elevato di diffusione dell’infezione in Svezia

L’autorità di sanità pubblica sta ora vedendo segni di una  diffusione sociale nella regione di Stoccolma e nella regione Västra Götaland. Attualmente non esiste una diffusione generale dell’infezione nel resto del paese, ma il livello di rischio è stato elevato a “un rischio molto elevato di diffusione sociale in Svezia”.
I casi Covid-19 sono stati confermati in Svezia. Molti casi confermati sono persone che sono state infettate all’estero o che sono state in contatto con qualcuno infetto al di fuori della Svezia.

nota Krisinformation.se non pubblica dati su infetti o deceduti in Svezia, ma fa riferimento alle informazioni sull’epidemia dell’autorità di sanità pubblica .

gruppi a rischio

Secondo un ampio studio cinese, le persone anziane e le persone con malattie di base sono sovrarappresentate tra coloro che sono gravemente malati. Ma lo studio mostra anche che solo una piccola parte di questi gruppi soffre di gravi infezioni. Rapporti dall’Italia indicano anche che le persone di età superiore agli 85 anni sono il gruppo più vulnerabile. Secondo l’autorità della sanità pubblica, oggi è difficile sapere se sarebbe lo stesso in Svezia.

Quindi eviti l’infezione

Le misure preventive generali contro l’infezione sono:

  • Evitare di toccare il viso o gli occhi. L’infezione si diffonde attraverso le mucose degli occhi, del naso e della bocca.
  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone. Gli agenti infettivi si bloccano facilmente sulle mani. Pertanto, lavarsi spesso le mani con sapone e acqua calda per almeno 20 secondi. Lavati sempre le mani quando torni a casa o quando vai al lavoro dopo essere uscito, prima dei pasti, durante la manipolazione degli alimenti e dopo una visita in bagno.
  • Evitare il contatto con persone malate.
  • Se tu stesso sei malato, resta a casa. Tossire e starnutire nella piega del braccio o in un fazzoletto di carta. Quando tossisci e starnutisci, si diffondono piccole, piccole goccioline contenenti agenti infettivi.

Governo per ridurre la diffusione dell’infezione

Gli sforzi per fermare la diffusione dell’infezione sono guidati da diverse autorità e attori a livello nazionale, regionale e locale.

Ecco alcuni esempi di azioni:

  • Divieto di raduni pubblici ed eventi pubblici con oltre 500 persone, secondo una decisione del governo dell’11 marzo.  Maggiori informazioni sui tipi di incontri di cui si tratta sul sito web della polizia . La selezione di 500 persone è dovuta al fatto che solo eventi più grandi possono attrarre persone da diverse parti del paese. Il trasporto pubblico, i luoghi di lavoro e le scuole non sono coperti dal divieto. L’autorità di sanità pubblica ha ritenuto che al momento sia importante che le persone sane possano continuare a lavorare e andare a scuola.
  • Nel bilancio rettificativo aggiuntivo del governo , è stata presa la decisione di rinviare il giorno delle elezioni.
  • Il governo propone di sospendere temporaneamente l’obbligo di certificati medici dall’ottavo giorno di calendario del periodo di retribuzione per malattia. Ciò significherebbe che la persona malata può rimanere a casa senza un certificato medico per un massimo di 14 giorni senza perdere il diritto alla retribuzione per malattia.  Link alla conferenza stampa del governo .

Se ti senti preoccupato

In questo momento, molte persone sono preoccupate per il virus corona. Sul sito web della Croce Rossa puoi trovare consigli su come aiutarti quando la paura prende il sopravvento.

Puoi anche chiamare il clero in servizio al 112 o contattare la chat della Chiesa svedese online.

 

old news

31.01.20 La Svezia ha una forte organizzazione per la protezione dalle infezioni

13.02.20 Nessuna diffusione del nuovo virus corona in Svezia

22.02.20 La Svezia ha un bassa probabilità che il virus si diffonda in maniera decisa. Un solo caso positivo (del 31.01) è stato rilevato in zona Jönköping, una donna giovane già fuori pericolo! quindi rischio molto basso ma ciò non vieta la quarantena forzata per persone ammalate e sospette! questo per evitare il rischio propagazione!

In Svezia c’è giusta preoccupazione ma non troppi allarmismi, il sistema si sente (speriamo) sicuro e si dice fiducioso che la malattia non porti elevata mortalità tra persone sane. Discorso differente per persone già deboli ed anziane. Il vaccino sarà pronto non prima di un anno e mezzo…

Precauzioni e norme igieniche per evitare il virus sono comuni alle altre influenze.

Non vi sono scali-voli diretti da Wuhan direttamente in Svezia

28.02.20 Basso rischio di diffusione generale del nuovo virus corona

Il contenuto si applica a Västra Götaland

28 febbraio 2020 alle 16:20: l’autorità sanitaria pubblica ora stima che vi sia un alto rischio che le persone vengano rilevate in Svezia infettate dal nuovo virus corona all’estero. Ciò è dovuto ai recenti sviluppi nel mondo. Allo stesso tempo, il rischio di diffusione generale dell’infezione in Svezia è valutato basso.

In totale, quattro persone sono ora risultate positive nel Västra Götaland, tre delle quali fanno parte della stessa catena di infezione. Il monitoraggio completo delle infezioni è in corso in collaborazione con l’autorità sanitaria pubblica e altre unità regionali di protezione dalle infezioni.

Da Youtube – video 291 – Tuttocambia cambiatutto

Cambia tutto, la prospettiva di vita, le emozioni, le preoccupazioni anche se sono lontano dall’epicentro dei problemi, anche se il problema ingloberà l’intera Europa. Tutto cambia sotto i nostri occhi e anche agli occhi di chi non vuole vedere. Ma, per il momento, non cambia la mia voglia di montagna e di neve. La voglia di vita è essenziale, anche se, oramai, ci tocca da vicino, il cambiamento…

Svezia, Europa svegliatevi !!!

Non avrei mai immaginato di essere in questa situazione. Nessuno avrebbe mai immaginato. Siamo nel bel mezzo di una tempesta e non sappiamo quando finirà. Una tempesta subdola, ingannatrice ed altamente democratica. Che non risparmia nessuno e che colpisce soprattutto i più deboli e quelli più predisposti, sia vecchi sia giovani! Una tempesta che tende a portare via le persone già in isolamento. Prima di discutere di politiche  e strategie più o meno giuste, di complotti più svariati, di crolli economici ed interessi da sciacalli è bene pensare alla vita umana, all’uomo, e al futuro. Cina, Europa, Americhe, Medioriente, Asia, Oceania… ognuno vede il valore della vita a modo suo perchè ogni luogo da valore alla vita in diversa maniera. Ad esempio, chi abita in Siria o Afghanistan, il “corona” è solo un virus rispetto a quello che subiscono con bombe, attentati e talebani… Loro sono abituati alla morte più di noi occidentali. Spiace dirlo, ma il virus ora è entrato nelle case degli occidentali come i talebani e gli attentati sono comuni in certe zone del mondo. Il virus ci stà schiaffeggiando, svegliando e non a caso … Io, per primo, (come tutti) sono arrabbiato, angosciato per questa situazione, perchè la vita ora è stravolta del solito tran tran, della mia bolla di sicurezza, fatta di lavoro, hobby, passioni, salute e privacy. Ora il “nanerello rosso appuntito” , infinitesimo rispetto ad un globulo rosso, è entrato nel corpo umano facendo il suo sporco lavoro da alien… impaurendo prima di tutto le persone “viziate dalla vita occidentale” Si! Siamo viziati dal capitalismo e dalla globalizzazione che ci rendono simili alle pecore da macello, agli asini, intelligenti, che scordano però il cervello dentro l’armadio…

Siamo bombardati da news e multiversioni di cosa è questo virus, cosa fà, da chi viene, perchè, quanto potrà durare, come ci si può comportare ecc…. Ognuno dice la sua,ognuno cerca, come sciacallo, la propria visibilità a scapito della tragedia. Ognuno fotte l’altro. Fino alla morte, ci fottiamo a vicenda. Ora, ci stringiamo accomunati dalla paura della morte. Una possibile morte mai raccontata cosi chiaramente con la paura, i gesti, le grida… prima demonizzata, poi sfidata e ora temuta. In questo, tutti gli esseri umani sono uguali… Perchè la morte prima viene ignorata, poi pensata, poi demonizzata, ultimi step sfidata per paura e poi temuta.  Ci sarebbe un altro step, riservato a chi ha cronicizzato il “temere la morte” e cioè la “forza“… Alcuni popoli ad esempio, citati precedentemente, devono dal “temere la morte” farsi forti. Ora anche noi dobbiamo farci forti e scalare anche l’ultimo step… Altrimenti ci scanneremo a vicenda e sarà una catastrofe nella catastrofe… Speriamo e preghiamo.

Volevo sfogarmi con la politica, certe politiche, certe visioni di epidemiologi, certi comportamenti da irresponsabili da parte del popolo. Evidentemente anche in questo siamo tutti uguali. Siamo quasi tutti pecore e capre. Da sud a nord Europa. Ho un amico dottore che lavora e vive nella mia regione di Svezia, e chiaramente mi ha raccontato cosa vorrebbe fare il Governo svedese. Lasciare andare il decorso della malattia senza contrastarla, per creare un innalzamento delle difese (?) e per sfogare i contagi. Controllarli diciamo in maniera soft, senza bloccare niente o quasi. Senza far perdere soldi all’economia e soprattutto alla debole forza sanitaria svedese… Controllare senza controllare. Senza fare tamponi a chi ha lievi sintomi ma solo a chi è grave!!! tanto una semplice febbre e tosse non indica necessariamente il Covid. Una domanda mi sorge spontanea… Come si pretende di avere sotto controllo la situazione senza controllare ????? Come si pretende che la popolazione sia serena e non in panico se si censurano dati, comunicazioni, si fa vedere che basta disinfettare qua e là (servizi in TV ed iniziative lavorative estemporanee), che tutto rimane cosi come è ed addirittura si dice che bisogna abituarsi a perdere i propri cari?? Ad oggi intendo, magari tra qualche giorno tutto cambia…

Noi italiani sparsi per l’Europa siamo terrorizzati perchè viviamo doppiamente la tragedia, perche i nostri cari stanno soffrendo più che mai… perchè non possiamo ritornare e rivedere a breve i nostri genitori. Cerchiamo di sensibilizzare l’opinione pubblica estera che, mi auguro di no, presto, potrebbe essere investita dalla tempesta, è sarà poi dura per tutti.

Cara Europa, lo sai che questo virus ti ha già ucciso, ha già annientato il senso comune d’Europa (se mai ce ne fosse stato), quando ogni Stato attua quello che gli pare, si accaparra il più possibile per se addirittura sottraendo agli altri le cure e i dispositivi. Cara Europa, tempo che questa maledetta tempesta finisca e finirai anche tu. Malamente. Le persone non perdoneranno questa catastrofe. Questo sciacallaggio di risorse verso gli stati piu prepotenti. Non parlerò di complottismo perchè tanto la verità non la sapremmo mai ma … Cara Europa svegliati e capirai che non esisti e non sei mai esistita, i passaporti sono necessari ovunque. Cara Europa c’è bisogno di controllo ma più umanità!! A sentire certe parole dall’alto dell’europeismo  ci si accapona la pelle. UNO STATO DEGNO DI QUESTO NOME DOVREBBE AVERE A CUORE OGNI SINGOLO CITTADINO E LA SUA SALUTE. CHI NON DIFENDE QUESTO E’ UNO STATO DI BESTIE MOLTO PIU BESTIALE DELLE TRIBU’ TALEBANE. LA VITA NON SI BASA SULLA ECONOMIA. LA VITA NON E’ ECONOMIA COME LO STATO VUOLE FAR INTENDERE ….SVEGLIA EUROPA  … SARA’ UN RISVEGLIO AMARO…

 

 

cliccate qui sotto per info-news live sul coronavirus:

Il coronavirus in Svezia

 

L’auto e la guida in Svezia

Mi ricordo nel 2016 con il camper, appena “messo ruota” per la prima volta in Norvegia e in Svezia, sembrava di stare sulla Luna da quanto ero felice e libero di percorrere queste strade. Strade interminabili, tenute bene,  a volte a pagamento per i tunnel (Norvegia) ma “gustose” da guidare (rispettando i limiti). Insomma mi sembrava impossibile che io stessi li a guidare e per di più un camper!!!! il massimo! il massimo della libertà scandinava!! Poi successivamente l’auto. Prima con targa italiana ed ora targa svedese.  Ma, per il primo anno e mezzo non ho avuto grossi problemi a guidare la mia auto italiana in Svezia. Con l’assicurazione europea (per fortuna mai avuto a che fare) e, pacchetto assistenza stradale rimani sereno. Un solo avvertimento ebbi circa un anno fà e più in dogana, dai polizziotti svedesi che mi dissero se avevo intenzione di rimanere in Svezia per più di sei mesi. Risposi di no… che ritornavo in Italia dopo la stagione…infatti era vero ma… ho un pò bleffato. Dopo i sei mesi è doveroso ed obbligatorio immatricolare ed assicurare la vettura in Svezia. Ora mi sono regolarizzato, ho preso da giugno 2019 una vettura immatricolata in Svezia e la mia Toyota è rimasta in Italia. Il passaggio di proprietà della vettura svedese è stato semplice, tramite compilazione a penna del libretto di circolazione e la spedizione di questo con francobollo all’ufficio Transportstyrelsen per la registrazione e la spedizione del nuovo libretto aggiornato. Tutto davvero semplice se (grazie AZ) qualcuno ti illustra che devi fare. Poi assicurazione, revisione e tasse governative arriveranno di conseguenza. L’assicurazione, quella minima per capirci, costa come in Italia come pure revisione e tasse di proprietà sono in linea con gli standard italiani. Solo che qui si fa tutto on line ( a parte la revisione o besiktning) e la cosa è abbastanza facile (anche per altre pratiche come prima immatricolazione e cambio targa).

Ora sto vendendo la vettura che era di AZ, attendo positivi riscontri mentre ho cessato l’assicurazione (con restituzione dei soldi della eventuale assicurazione vecchia) e messo la vettura fuori traffico (avställning) con una semplicissima operazione on line immediata senza andare in uffici e fare code… Ottimo

Guidare in scandinavia è un lusso sia d’estate sia in inverno dove le condizioni ambientali determinano la fattibilità e la sicurezza di certi percorsi. Scontato dire di avere due set di ruote; una per la stagione estiva e l’altra per la stagione invernale (ruote invernali chiodate di serie) da cambiare gia da metà ottobre oppure obbligatoriamente da metà dicembre. Il set nuovo di ruote chiodate costa mediamente 400 euro o più. Noleggiare un’auto già predisposta da qui per andare a Caponord, “bookando” qua e là è quindi una gita e non più una grande avventura come tutti esaltano. Certo se ti imbecchi nelle bufere allora è impegnativo ma ti fermi o valuti giorno per giorno se partire e dove sostare. Dimentico di dire che qui in Svezia come penso Norvegia (dove l’auto e mantenere l’auto è ancora piu caro) il solo cambio ruote costa 100 e passa euro (se non si dispone di gomme con cerchi annessi, quindi meglio avere ruote invernali e cerchi dedicati). Ricordo l’avventura novembrina del 2018 quando ritornai con le gomme estive fino a Mattmar!!!! incubo tra la neve!!! poi è bastato un semplice e caro cambio gomme (500 euro) e le cose si sono trasformate per magia!! Le gomme chiodate sono fondamentali per la stabilità della vettura sul rettilineo e sulla neve e neve ghiacciata ma non si deve esagerare perchè in curva e con ghiaccio vivo…servono a poco… in questo caso vedo ogni tanto vetture svedesi e norvegesi fuori strada o sepolte dalla neve…

C’è da dire il diverso trattamento invernale delle strade tra Norvegia e Svezia. In Norvegia molto probabilmente usano il sale per eliminare il ghiaccio mentre in Svezia sono piu ecologici e non fanno nulla se non il solo ghiaino. Morale della favola? in giornate particolari c’è da mettersi a pregare… Spesso, faccio Svezia-Norvegia e viceversa in inverno e, quando arrivo in territorio norvegese tiro un sospiro di sollievo….

La guida svedese è molto rispettosa dei limiti (in generale, ma c’è sempre qualche testa calda…), hanno tutti una fifa matta a bere e poi mettersi alla guida (normalissimo). A volte però nella guida sono un pò addormentati e ti fanno venire i nervi da milanese incazzato ed imbruttito!!!! Tanto da pensare che se questi vengono in centro a Milano con la loro auto…. “svengono” dopo 5 minuti!!!!

Discorso collegato è la patente italiana. Ho avuto a che fare con controlli della polizia svedese i quali non vedono di buon occhio licenze diverse da quelle svedesi perchè fuori dal loro sistema e quindi controllo. La mia licenza è ovviamente valida, scade nel 2023 ma prima della scadenza, se sarò ancora in Svezia, dovrò obbligatoriamente convertirla in licenza svedese. Alla visione del pezzo di carta vecchio le autorità hanno sorriso come per dire…questa che roba è???

E arrivo’ Marzo…

New video 289

Ormai quattro giorni di bufera (più previsti domani e dopodomani) e temperature finalmente invernali hanno trasformato tutto in “quasi estremo”… Ma non c’è nulla di estremo che la vita normale stessa…coi suoi casini, problemi, croci, gioie e sacrifici… Marzo forse mese di novità e di cambiamenti…

Video del ritorno della neve, del freddo, delle splendide uscite e sciate con Ugo, delle coccole con il mio amore di cagnolino.

E’ tempo di combattere

E’ tempo di combattere contro le avversità della vita, normali o straordinarie che siano, contro le falsità e le distorsioni per scopi (di chi?) misteriosi a noi. E’ tempo di lottare contro il razzismo e l’ignoranza dilagante, le facili analisi e lo sciacallaggio mediatico di idee, pensieri, opinioni, speculazioni e soldi. Personalmente ora è tempo di lottare per avvocati, per il lavoro, per il mio equilibrio e per tutto. Il tempo per lottare deve portare coraggio ma anche consapevolezza che ce la si può fare in ogni caso!! La luce la si intravvede sempre!! La forza interiore di ciascuno di noi è sconosciuta ai social, alle persone che ci sono accanto. Questa è la nostra novità! Questa è motivo di stupore, insegnamento e gioia per chi ci stà accanto!! La forza di cambiare le cose con i fatti e non con le parole anche se queste ultime sono necessarie per preparare il terreno. Quando sai di avere una tua piccola verità e sai di essere nel giusto…parti deciso, vai e colpisci!! senza pietà per cambiare un po la forma. E’ come quando parti col coltello per un piccolo pezzo di grana da mangiare. Colpisci e deformi una verità imposta effimera che non appartiene alla Verità con la V maiuscola. Prendi un pezzettino e la forma del formaggio un pò cambia. Abbiamo mille paure per niente, con tante paure siamo piu controllabili, piu idioti e piu deboli, piu proliferati o profilati come si vuol dire. Il nostro profilo di paure è un archivio di informazioni gustosissime per venditori atipici, procacciatori di paure e di prodotti da vendere! E’ tempo di combattere questo vecchio becero sistema anche se ci stiamo dentro dalla nascita! E’ tempo di combattere contro la nostra rigidezza di vedute, di cultura ed egoismo. E’ tempo di “combattere” la nostra Cultura … come la forma del grana, la possiamo modificare viaggiando nel mondo e soprattutto tra le persone e NOI STESSI prendendo il meglio.

Il corona virus è una invenzione non so di chi ma deve far riflettere su che persone siamo, quali paletti nella vita abbiamo. Non c’è piu terrorismo di quando e quanto le persone si sentono libere di cambiare il sistema prendendo il proprio pezzettino di grana. Stagionatura della forma del formaggio permettendo!!

Ps. La stagionatura del formaggio, ossia le leggi umane possono essere modificate!! quelle naturali (della natura!) invece rispettate!!

HAPPY BIRTHDAY STRONG AZ!!!!!💪🎂🎉💪❤️

01.03.20 – Domani è tempo di lottare… meeting tra noi, il sindacato Facket e i vertici aziendali per “mitigare” o “mietere” lo vedremo….

La vita continua a Duved

Dopo la “bufera” ritorno nella mia Duved, in Svezia, per continuare la mia vita. Tra lavoro, Ugo, scialpinismo e giri nella vicina Norvegia. Ma molti stati d’animo si accavallano. Ci vorra’ molto tempo per ridefinire e riequilibrare le “avventure boreali” …

« Older posts

© 2020 Boreala Äventyr

Theme by Anders NorenUp ↑

Translate »