Pagina 2 di 17

Partiti e ritornati

17 Febbraio. Partiamo io, Ugo e Mari alla volta della Norvegia. Ma la mattina seguente prendiamo la drastica decisione di ritornare subito indietro. Il viaggio con il mio cane Ugo si rivela più difficile di quanto previsto. Lo sapevo ed avevo preparato tutto nei minimi particolari ed accortezze per questo. Ma non è bastato. Ugo nella notte (in un B&B poco dopo Innsbruck) è stato male ed io non ho dormito. Ecco la decisione. Perdo il lavoro per non perdere Ugo!!

Prima viene Ugo e dopo la Norvegia. La Norvegia può attendere. Non è facile tutto questo…. Tutti contro alla mia decisione….

 

09 Marzo. Mi manca tantissimo la Norvegia e la Svezia. Ma in questi mesi è fondamentale che Ugo stia tranquillo. Sacrifico molto, ma il mio cuore dice che è la cosa giusta. Ugo è meglio seguito dai veterinari.

Abbiamo rifiutato molte richieste di lavoro. Qualcuno dirà che siamo matti. Ma prima viene il mio cuore e quello di Ugo e poi tutto il resto. Ugo non è eterno e questo periodo di prova lo vivo come un momento particolare della vita in cui metto da parte me stesso con le sciate, le avventure, il lavoro, lo stare in Scandinavia per poter stare con il mio amato Ugo. Ci saranno altre opportunità scandinave all’orizzonte (cioè sarebbero già certe e in luoghi spettacolari) ma Vivo intensamente di settimana in settimana il tempo italiano a tempo determinato.

News: Non avrei mai immaginato di trovare lavoro a cento metri da casa per circa un mese o forse più. Segno del destino, qualcuno mi aiuta dall’alto e i soldi servono eccome!

Io ed Ugo viviamo alla giornata.  In questo stato d’animo, moltissime cose passano in terzo piano…

 

 

 

Decisione difficilissima

Le avventure di vita possono ripartire da Hammerfest già a febbraio (sarebbe tutto deciso e sicuro con lavoro a tempo indeterminato e casa in affitto) … Ma il mio Ugo non può permetterselo…

Che fare?

Sono logorato dai pensieri. Sono in stallo. Non so che fare. Partire con o senza Ugo? Rimanere in Italia assieme ad Ugo? Perdere questa occasione. Tanti pensieri mi frullano per la mente e più penso e più vado in Loop. Non è facile.

Il veterinario mi sconsiglia davvero fare 5000km con Ugo in queste condizioni. La malattia cardiaca sta facendo purtroppo il suo corso e le tante medicine tamponano in qualche modo la malattia di Ugo.

Rimanere in Italia con Ugo sarebbe la soluzione temporanea migliore per assistere Ugo nei suoi ultimi mesi…. scrivere così mi fa un male pazzesco e mi fa piangere…

 

Hammerfest – Wikipedia

Il 2016 ci faceva conoscere questa cittadina e non solo

 

13.02.22 Siamo ancora in Italia!! Abbiamo rinviato la partenza. Ora Abbiamo due soluzioni di lavoro e quindi due soluzioni di viaggio molto diverse: 5000km oppure 2500km. Per Ugo potrebbe fare la differenza e stiamo valutando. Il mio cagnolino sta benino e sembra si sia ripreso. Sono sempre in contatto con le gentili veterinarie. Quando partiremo a breve, al 95%  verrà con noi. Abbiamo allestito mezza macchina solo per lui e per il suo comfort. Credo sia la soluzione migliore per Ugo e per noi. Incrociamo dita e zampe!

 

 

 

Dicembre in Salento

Mi ritrovo in Salento dalla Mari. La vita gira e ti rigira. Ti fa ripassare sulle vecchie orme. A ritroso per andare avanti. O per cambiare qualcosa. Giorni di mare d’inverno. Giorni di passeggiate sulla spiaggia a sprofondare con gli scarponi come se fossi sulla neve. A piedi nudi sull’acqua fredda di Punta Prosciutto.

In attesa di sviluppi si lavora e si ricerca. In attesa di stare bene per ritornare a latitudini più consoni …  per vedere e sentire l’eco dell’aurora boreale. Fa sorridere da qui,  da caposud, a parlare di Lei.

 

Per altri video visitate il mio canale

La storia di Ugo

Questa è la storia del mio cane UGO.

Un pezzo fondamentale della mia VITA.

Diciamo il CUORE unico che batte per entrambi.

In SIMBIOSI.

Ugo è nato il 15 Aprile 2011 in Puglia, Taranto. La prima volta l’ho visto grazie ad una foto ricevuta via mail. Era Settembre 2011. Io e la Mari lo abbiamo scelto tra tanti suoi fratellini. Tutti carini ma lui era UGO. Era destinato a noi! UGO è stato trasportato dai volontari di una associazione ( Quattrocaniperstrada onlus ) verso la vecchia casa di Milano.

Adempiuto a tutta la burocrazia anagrafica ed altro, abbiamo accolto UGO in una mattinata fredda a sud di Milano. Erano i primi di Ottobre 2011. Ricordo che siamo andati in tram per l’emozionante incontro. Quando UGO è sceso dal furgone tutto tremolante ed impaurito ci ha fatto sobbalzare il cuore. Il CUORE. Mi ricordo perfettamente quel giorno, pensavamo fosse più piccolo, Ugo, invece siamo rimasti sorpresi per tre secondi ma poi tutto è diventato “giusto” per noi! Siamo saliti sul tram con non poche difficoltà perchè Ugo sviava dappertutto. Siamo arrivati a casa, rifugio milanese per 5 anni. Il cucciolo Ugo ha trovato subito la sua dimensione casalinga… le pisciatine inevitabili, i tappettini e le asciugate… Bei momenti che fanno ridere !!! Quando c’è amore ogni azione diventa leggerissima e felicità!!

Ricordo il suo primo veterinario, le visite, le vaccinazioni. Il pianto per una possibile Lesmaniosi annunciata erroneamente. Ricordo soprattutto le prime uscite nei giardini milanesi, Ugo che si rifugiava sotto ogni panchina. Piano piano Ugo che diventava cane milanese. Le prime aree cani, i primi contatti con i suoi simili. I primi  morsi inevitabili presi e dati. I primi viaggi in macchina tra Milano e Vicenza.

UGO che mi accompagna dal 2013 nelle uscite scialpinistiche!! Quelle fattibili per lui. Scopre la neve! ricordo la sua prima immersione nevosa a cima Manderiolo. Sarà un allenamento verso freddi molto più intensi!!!! Di contro scende due volte ad Agosto in Salento dalla Mari. Dove scopre il mare e la spiaggia caraibica….

Poi, un primo trasloco milanese, un trasloco vicentino, la fuga da Milano. Ugo sempre con me, con noi. A capire liti, incomprensioni, gioie e dolori. Ugo felice solo e sempre al mio fianco. Il cane assorbe tutto infatti. Percepisce ogni cosa e anche di più. Percepisce tutte le dimensioni possibili del mondo. Noi ne percepiamo a malapena tre.

Ugo diventa perciò un cane da campagna, territoriale e assopisce il suo essere “milanese”.  Ma sta per divenire pure un cane camperista! Infatti nel 2016 salpa con noi per un mese in Norvegia fino a Caponord. Una grande avventura tra paure ed incognite. Va tutto splendidamente! Io, Mari ed UGO viviamo un mese intenso, prima esperienza con il camper, seconda volta a Caponord!

La voglia di cambiare vita, la voglia di stare in Norvegia e in Svezia ci spinge a cambiare camper e di organizzarci. UGO sta per cambiare vita! Preso il passaporto europeo canino e regolarizzato per attraversare i confini arriva in Svezia dove scopre la meravigliosa terra scandinava… dal sole alla neve, dal caldo al freddo. Scopre molti animali e nuovi odori…

Camminate e sciate si intervallano come le stagioni scandinave. Rimpatriate in Italia e ritorni in Scandinavia si ripetono annualmente. Solo una volta Ugo per ben due mesi rimane in Italia lontano dal padrone Luca. Ma gli basta per capire che lui, Ugo, non può essere lasciato solo. E’ una pena per entrambi.

Ugo in Svezia scopre tutto e di più. Il suo territorio ora, è il paese di Duved, Le montagne e le foreste vicine.  Non importa che piova, nevichi, faccia +5 o -30° o tiri vento … lui esce. Importante limitare nel caso i minuti di esposizione.  La sua dimora, prima, è il Camp Duved con la casetta rossa. Poi si trasferisce in paese in un piccolo appartamento in affitto.

La passione di Ugo sono le Pernici. Quando, lontano da tutto e in mezzo al nulla le sente, lui impazzisce e le rincorre che sia estate o inverno. Invece delle renne ha un certo timore referenziale come giusto che sia. UGO rimane libero per le più delle volte quando la situazione lo permette. UGO è un cane LIBERO!!! CORRE, è CURIOSO, TIMIDO e TESTARDO. Assomiglia al padrone.

UGO a novembre 2019 avverte uno strano fruscio al cuore. Il padroncino si preoccupa e lo porta dal veterinario che per scongiurare problemi gravissimi gli fa fare una visita cardiologica ed ecografica in Norvegia. Da li iniziano giorni difficili… Ma ci risolleviamo con la giusta terapia e le giuste precauzioni. Ugo continua ad accompagnare Luca nelle scorribande sulla neve e non, con le dovute attenzioni.

A Duved UGO diventa papà!!! O almeno potenzialmente papà!!! La svedesina l’ha trovata lui!!!!!!!! Non si hanno avuto piu notizie sui possibili cuccioli….

UGO, tantissimi video, tante avventure su strada, su neve, su erba. Tra boschi, cime, rive e laghi, tra Svezia, Norvegia e Italia. TANTE EMOZIONI FORTI E PROFONDE che rimangono come dei tatuaggi nel cuore di LUCA che è il cuore di UGO e viceversa! FORZA UGO! Luca ti curerà con tutti i mezzi per i prossimi giorni della tua vita!! Ora sei in Italia un pò al caldo e, meglio controllato nelle cure! Ma sai che appena starai meglio Luca ti porterà ovunque andrà lui.

IMPORTANTE E’ STARE BENE!

IMPORTANTE CHE STIAMO BENE!

TUTTI …….

UGO….. UN ABBRACCIO !

SALUTA UGO!!!!

Pausa ricarica idee

Che bella l’Italia tra mangiate, famiglia, sole e pioggia battente!!! Mega relax oltre a problemi (quelli saranno sempre).

Che bel “dolce far niente” o quasi. Niente? no dai, ho fatto qualcosa!!! Per me, per Ugo, per le auto, per il prossimo lavoro, per la Mari ecc… Non spoileriamo troppo!!!

Come si vuol dire l’importante è la salute! Devono stare bene Ugo, io e tutti insomma!!

Poi le idee ed i fatti succederanno matematicamente e magicamente!!

 

Il mondo migliore

Quale è il mondo migliore? Sono in Italia dopo mille viaggi alla ricerca del meglio. Cosa è il meglio ?? Bella domanda. Meglio fermarsi per riflettere riposare e meditare per il futuro. Ritornare in Italia è stata una necessità visto l’ultima brevissima esperienza di Geilo. Queste settimane sabbatiche saranno molto utili. Ugo pure avrà modo di ritornare un cane normale territoriale….

Un viaggio come ogni anno partito dalla Svezia, poi Norvegia poi ancora Svezia e Germania dove abbiamo riabbracciato il caro amico Aziz! Ora rientrati a Vicenza. Sensazioni e curiosita?

Bello vedere le autostrade in buone condizioni, la Brennero come la Valsugana e la Pedemontana finalmente finita! Brutto vedere come gli italiani corrono alla morte strafregandosene dei limiti di velocità! Brutto vedere come la mascherina, come in Germania del resto, condizioni la vita in toto. Nessun controllo nei B&B ed hotel prenotati. NESSUNO ci ha chiesto il GP!!!

Il mondo è strano…. agli schivi scandinavi è permesso di esprimere completamente il viso dappertutto mentre ai popoli più estroversi e caldi no. Stavo riflettendo se ci sono casi come i nostri, ossia… Partiti con una casa in affitto in Svezia, lavoratori in Norvegia con casa annessa, vaccinati completi in Norvegia, con auto di proprietà svedese di ritorno con quest’ultima in Italia!!!

Mi ci vogliono giorni per ambientarmi, per capire dove e come stò! Sò che vale la pena essere qui dopo più di un anno per abbracciare le persone care. E’ un periodo difficile dove gli anni passano e gli acciacchi e i problemi si moltiplicano… Tutto ciò mi fa riflettere di non perdere mai tempo e di non rinviare mai quello che puoi e vuoi fare!!! mai!! un giorno non potrai più fare quello che ti eri prefissato. Ma sò bene che la riconoscenza è un valore immenso … anche se il mondo di oggi…..

Non parlo, per ora, di futuro. Ci sono opzioni e scelte. Già, la SCELTA è fondamentale! Noi siamo LIBERI finchè possiamo ancora SCEGLIERE! SIAMO ANCORA LIBERI? CREDO DI SI!!!! La scelta implica errori e gioie, tutto!

Ho una casa in Svezia a Duved, un magazzino in affitto a Geilo per le ruote chiodate e per altre cose, il camper Duke a Östersund in attesa della primavera… La Scandinavia ormai è legata a me. Il lavoro, non dico migliore ma quello onesto, SPERO lo sia…

Italia grazie che mi accogli sempre. Il miglior rifugio per ripartire nel mondo!!!!

 

Ritornare per Ritornare

Sono stanco di girare per lavoro. Vorrei girare per essere libero e non per lavorare. O meglio “vorrei lavorare come dico io…” perchè lavorare si deve. Ma in questo momento sono stanco. Devo ritornare se voglio ritornare qui. E’ l’unica soluzione visto l’ultima esperienza. Sono a Geilo da una settimana ma il lavoro che doveva essere, si è rivelato un’enorme delusione. Nessun rispetto, nessuna empatia, macchine da guerra per quattro soldi. Straordinari normali e disonestà in fase di colloquio, un lavoro che non ci aspettavamo. Niente. Dovevamo già ritornare, se non emergeva questa occasione di Geilo. Infatti avevamo fatto (con estrema sofferenza) il vaccino per ritornare in Norvegia poi. Geilo era un’opportunità (ma anche un tirare la cinghia) lavorativa fino a maggio 2022 e oltre forse. Ma visto le condizioni e l’ambiente lavorativo meglio sia andata cosi. Questo sicuramente non era un “lavoro norvegese” ma un lavoro gestito alla maniera “russa” … Non aggiungo altro. In fondo e confrontando i due ambienti ci trovavamo meglio a Vierli!! E tutto sommato vorremmo ritornarci per la prossima stagione invernale. Gli errori, soprattutto nel campo lavorativo sono comuni e si pagano. SORRY.

Sabato mattina partiamo con la macchina, dopo aver prenotato e sistemato su BODHOTELL.NO un piccolo storage per le ruote invernali chiodate e per altre cose che vogliamo lasciare qui e recuperarle poi. Abbiamo quindi un box al costo di circa 20 euro al mese. Un piccolo rischio di trovare le strade innevate e ghiacciate con le gomme quattro stagioni è accettabile. Una volta ritornati a Geilo e cambiate le gomme 4S in chiodate potremmo ritornare a Vierli (o nel Telemark per altre eventuali offerte lavorative…)

Vorrei parlarVi ora, di quello che vedo in Norvegia (Arrivo dalla Svezia). Dopo il 25 settembre, evidentemente tutti ma proprio tutti hanno cancellato il virus. Non è mai esistito. Il green pass , come detto più volte non esiste in Norvegia. I vaccinati, dicono, sono quasi l’80% della popolazione norvegese. Quindi il governo ha fatto il “via tutto”, pure distanziamenti e mask. D’altra parte è il mese delle vacanze scolastiche e del tutto esaurito. Gli hotel devono fare cassa visto che fino a questa estate non è andata bene per loro. Ora, sale ristoranti, piscine, saune strapieni!! Non si capisce più nulla! INCREDIBILE se penso all’Italia ed agli italiani! Ma è ancora più incredibile se parlo con i colleghi di lavoro (non norvegesi) che non sono vaccinati (e che mi rispondono che tanto tutti sono vaccinati e quindi il corona ora non esiste) e che rispondono “perchè ci si vaccina??” …. Mah MONDI E CONTROMONDI… Stupidità e “ignoranza intellettuale”.

In ogni caso W LA LIBERTA’ !!!!

UN ABBRACCIO ALLA PATOLOGICA ITALIA E DICO CHE GLI ALTRI STATI, APPARENTEMENTE PIU’ SANI NON LO SONO PIENAMENTE!

RITORNO IN ITALIA PER QUALCHE SETTIMANA SABBATICA PER RITORNARE ANCORA IN SCANDINAVIA RICARICATO!!

E, LE AVVENTURE CONTINUERANNO SEMPRE!!!! UGO TI VOGLIO UN MONDO DI BENE!!!

 

ps. Curiosità, il GAS METANO  in Norvegia e Svezia non esiste!!! Non lo usano!!! Te capì Russia?

Arrivederci Duved, Si riparte

Domani mattina si riparte da Duved e la Svezia per ritornare in Norvegia. La macchina carica di ulteriori 4 gomme invernali chiodate e di cibo arrivato dall’Italia. Carica di tutto (cose invernali) ed ovviamente di scarponi e sci rimessi a nuovo! Ugo avrà il suo spazio all’interno dell’abitacolo. Armati anche se non servirà forse più di green QR …..

Mi dispiace un pò lasciare nuovamente la tranquillità di casa Duved ma siamo entusiasti per una nuova esperienza lavorativa e di vita … Ci saranno molte possibilità per una esperienza duratura … ma non dico nulla in più. Staremo a vedere!

Ma dove andiamo ? Destinazione ?? GEILO

 

 

 

Svezia e Norvegia tornano alla normalità

Da domani la Norvegia annulla il distanziamento sociale e le norme restrittive sul Covid. Già da tempo, comunque, nessuno o pochi le rispettavano da quel che vedo sul “campo”. Invece in Svezia già hanno mollato i freni … Ieri infatti sono andato ad Östersund per sistemare il camper Duke al rimessaggio invernale e sono entrato in due tre market e da Max (equivalente del McDonald’s svedese). Distanziamento assente e tutto quasi normale, troppo.

Quindi da lunedì nessuna restrizione (ma davvero c’erano?) in bar, ristoranti e locali norvegesi. Via le restrizioni pure agli alcoolici (ahahhahah scherzo!!!). Non ho ben capito se toglieranno pure il test covid all’entrata dai confini. Staremo a vedere. Oltre il 90% dei norvegesi hanno fatto almeno una dose del vaccino. INCREDIBILE! e senza usare il GREEN PASS!!!!!

In Svezia ci sono da pochi giorni ma vedo market superaffollati e senza un minimo di distanziamento. In alcuni market addirittura hanno tolto le barriere protettive alle casse! Rimangono (in alcuni nemmeno quelli) i disinfettanti a ricordare alle persone di non dimenticare …

SVEZIA – NORVEGIA

Siamo partiti per ritornare a casa!!! Camper Duke pronto e pieno. Abbiamo lasciato la casa di Vierli dopo averla sistemata per un possibile ritorno… (?)

Duke per qualche giorno è la nostra casa. Poi Duke, come ogni anno ,andrà a riposo in rimessaggio. Dove? segreto al momento. Siamo in viaggio per nuove strade. Per nuove avventure. Prima di tutto passeremo per la casa di Duved…. una delle nostre “case”. Mi sono affezionato a Duved perchè vi ho passato 4 anni della mia vita. Vierli – Duved, Norvegia – Svezia.

Ora, mentre scrivo, sono già a casa Duved! dopo tre giorni di viaggio in camper (per la bellissima strada 51). Norvegia – Svezia. Norvegia chiusa e super controllata in entrata  mentre Svezia libera, in uscita ed entrata, senza minimamente un controllo. Due paesi vicini, due sistemi e vedute completamente differenti… MAH!!!

Il virus esiste più che mai in Norvegia, in Svezia no perchè hanno già tolto le “protezioni anti-covid” dai supermercati!!!!

Staremo qui a Duved qualche giorno per sistemare camper, auto, sci ed altre faccende…

POI? poi andremo in … ?

 

19.09.21 Visione a Duved dell’aurora boreale! (io stavo dormendo, sentito da altri)

21.09.21 Portato gli sci e scarponi a sistemare al negozio di Björnen! Speriamo riescano ad aggiustare gli attacchi vecchi…!

22.09.21 Check nuova auto (seconda mano) e garage per il camper Duke…

23.09.21 Perfetto! Ritirato gli sci da Björnen skicenter. Aggiustati gli attacchi e gli scarponi. La soletta la farò in Norvegia. Grazie da Avventure Boreali per il lavoro gratuito!!! ? Sabato il camper Duke va a “riposo” nel solito posto vicino a Östersund. Domani provo la Skoda Octavia 4×4.

24.09.21 Oggi provato la “nuova” macchina, ottima a parte la vecchiaia di carrozzeria! portato gli sci a sciolinare in negozio a Duved. Domani il camper Duke va in rimessaggio! come ogni anno da tre anni. E’ cosi!

25.09.21 Camper Duke sistemato! Preso la Octavia 4×4 e venduto la vecchia Passat! Ora mi servirebbe un carrello per trasportare cerchi e gomme invernali chiodate altrimenti non mi stanno le cose in macchina!!!

 

 

 

15 Settembre

Oggi 15 Settembre abbiamo eseguito il  vax2.0. Nel frattempo, facendo un bel giretto fino a Haukeli da Rauland e poi strada 362, il Camper Duke ha raggiunto i 100.000 km! Invece tra pochissimi giorni partiremo per un lungo viaggio verso… casa. Tante cose e pensieri. Noi siamo forti per fare ogni cosa. Dopo il certificato-corona completo acquisito, raggiungeremo la prossima destinazione con spirito e gioia nuova. Ma quale sarà la prossima destinazione? Finalmente ritorniamo a casa. Quale casa?

A breve scoprirete cosa intendo per casa … perchè devo schiarire le mie idee e volontà!

 

 

Prime impressioni di vita in Norvegia

Ciao amici! Vi parlo come italiano in Norvegia ormai da 2 mesi! Quindi inizio a capirci qualcosa di questa nazione e i meccanismi burocratici, lavorativi ed altro.

Parto col dire che ho già visitato il dentista. Esperienza “sbrigativa” ma sufficiente per dire che mascherine e controlli non ve ne sono!! Ci devo ritornare proprio domani per sistemare un dente spezzato… (e spero nella clemenza sulla fattura…)

Qui la situazione “covid” è all’apparenza molto tranquilla, si è liberi di entrare nelle caffetterie e nei locali pubblici tranquillamente. Le mascherine sono a discrezione dell’individuo come distanza ed igiene mani. Qui in Norvegia non esiste il Green Pass!

Sto attendendo la seconda dose del vaccino (15 settembre) mentre mi sono registrato e ho dovuto pagare 900nok (90euri) per il buypass (una sorta di ID kort elettronico) per poter accedere al sito helsenorge.no e scaricare il corona certificato! Dopo il 15 settembre quindi, potrò viaggiare da Norvegia a Svezia tranquillamente senza quarantena ne tampone (spero…). Non so se potrò ritornare in Italia per vedere la mia famiglia e per sistemare molte faccende … Comunque dovrò ritornare nella mia cara Duved, in Svezia, per sistemare nuovamente il camper Duke in rimessaggio (?) , sistemare la vecchia auto svedese e per riprendermi un pò di cose invernali lasciate nella mia vecchia casetta ovvero sci e scarponi ovviamente!!!

Dimenticavo che per avere la ID kort svedese ho dovuto aspettare 12 mesi (assieme al Personnummer definitivo) mentre in Norvegia basta pagare “salato” e con il solo Dnummer provvisorio hai il tuo ID…. vabbhe! cosi funziona! Comunque con questo buypass puoi accedere a tutte le istituzioni governative (dicono) ed avere i dati personali in massima sicurezza (se esiste…)

Il Telemark, dove ora stò  è una bellissima regione, fatta di montagne, laghi, paesi dispersi e forti tradizioni ! Il legno qui è lavorato come in nessun posto. Le case sono davvero tipiche. Le persone, cordiali e sorridenti. Non mi è mai capitato di litigare ad esempio perchè Ugo stava libero. Cosa che in Svezia …

Il lavoro attuale va bene ma è ovvio che se si trova di meglio… Ah devo andare dalla polizia per registrarmi… credo sia per il fatto dell’auto e la licenza di guida. Infatti al contrario della Svezia qui sono molto più rigidi. Dopo sei mesi non puoi girare con targa italiana e licenza italiana… ma devi avere auto, assicurazione e convertire la patente. Di questa ultima non ne sono certo e devo verificare quanto prima. Quanto prima devo appunto andare dalla polizia. In Svezia (Europa) era tutto più easy, con patente di guida senza obbligo di aggiornamento se non alla sua naturale scadenza.

Come prima considerazione è più facile trovare lavoro in Norvegia che in Svezia. Se si cercano lavori comuni negli hotel, skisenter e nella ristorazione la Norvegia offre di più! La paga oraria è leggermente più elevata (costo vita maggiore!). Nota importante che qui in Norvegia assieme al contratto di lavoro ti  offrono in affitto la casa, cosa impensabile in Svezia!

I contratti svedesi mostrano la paga oraria netta mentre in Norvegia si ha l’abitudine di indicare il lordo…  quindi si deve togliere  il 25% (fisso) di tasse dal lordo. A meno che non si decida per una differente tassazione che non ho ben capito…

Prima di ricevere la busta paga son dovuto andare di persona negli uffici di skatt (Tasse) per registrare il mio codice fiscale temporaneo (Dnummer che vale 6 mesi lavorativi). Poi, se il lavoro prosegue con contratto stabile, diverrà permanente.

Nel breve periodo dovrò decidermi se aprire un nuovo conto bancario norvegese (e trasferire tutto li) perchè pago commissioni di conversioni valuta (1nok è 0,97kr) ed operazioni tra differenti Stati. Già Luca!

 

 

Siete fortunati! d’ora innanzi avrò piu tempo per stare qui che davanti a Youtube….

e devo aggiornare pure la sezione “LE MIE MONTAGNE” e molte altre cosette …

 

03.09.21 – Bel giretto con il camper per la strada 38 fino a Dalen e poi fino a Vrådal per poi risalire la bella strada 41 e ritornare a Vierli.

Sudare come sul Gaustatoppen

Buongiorno amici! Stanotte ho sudato come pochi giorni prima, sul Gaustatoppen (clicca QUI il video).

La prima fiala è entrata nel mio braccio. Aspetto la seconda per il 15 di Settembre. E così sia. La vita va e deve andare avanti con forza, determinazione e speranza! Ad ognuno le proprie conclusioni, idee, libertà e verità!!! Guai a scannarci come sull’isola di Pasqua… capite bene cosa è successo in quell’isola?

Quindi aspettiamo la luce verde per decidere da metà settembre di ritornare per pochi giorni in Italia oppure (ed in ogni caso) ritornare a Duved in Svezia, nella mia casetta per prendere un pò di cose per l’inverno norvegese … Avete capito bene! Rimaniamo in Norvegia per nuove entusiasmanti avventure invernali e chissa … Luogo? Bellissimo, e lo avete già sentito nominare precedentemente

 

 

 

 

Skisenter

La Norvegia rispetto alla Svezia ha tantissimi piccoli o grandi Skisenter disseminati dappertutto. Questo puo significare più opportunità di lavoro. Non a caso ieri siamo ritornati col camper da Geilo ed Hemsedal dove abbiamo visitato ambienti, monti e resort a 5stars….. In vista di…?

Due giorni in camper (e a piedi) bellissimi tra wild e cittadine, tra monti, cime e resorts ….

Strade 37-364-40-7-52 (tombola! ) da Rauland a Hemsedal … Giro incredibile soprattutto la strada 40 davvero sorprendente!!! ?

La Norvegia è natura, libertá, magnificenze e benessere al top… Troppo top forse…. ❤️??

 

 

La mia nuova vita in Norvegia

Finalmente sono libero in Norvegia.  Sono trascorsi  dieci giorni di lavoro e di riposo. Ci troviamo molto bene con tutto e tutti. Abbiamo visitato nei tre giorni di riposo Rjukan e Odda passando per le strade 37, 362 ed E134. Splendidi posti che prima o poi vedrete nei video. Tra ieri ed oggi abbiamo caricato la nostra mente e spirito di cose e sensazioni incredibili. Una notte ad Odda sul fiordo per ritornare un pò camperisti.

Sul fronte camminate sto esplorando con Ugo pian piano la zona dove abito. Ho individuato e programmato molte escursioni possibili dalla mia casa e non, quindi spostandomi con il camper. La zona è ricca di cime e cucuzzoli di oltre 1600 metri.

La mia casa di Duved è in attesa del suo affittuario. L’affittuario è in attesa di decisioni future. Tenere la casetta svedese per affittarla??? sarebbe cosa buona e giusta!!! (qualche affittuario italiano o svedese lo trovo!?) Anche perchè ho serie probabilità di rimanere qui nel Telemark anche per l’inverno (e chissà poi….)!!! W lo ski!!!!

« Articoli meno recenti Articoli più recenti »
Translate »